Tre ore di ritardo per il volo Volotea Bologna Pantelleria

Dovevano raggiungere la Sicilia per trascorrere qualche giornata al mare, ma il volo ha riportato oltre tre ore di ritardo all’atterraggio. È accaduto, questa mattina, domenica 10 luglio, con il volo Bologna Pantelleria V71336, con pesanti disagi per i passeggeri della compagnia aerea Volotea.

I passeggeri, quindi, sono stati costretti a trascorrere ore intere all’interno dell’aeroporto di Bologna Guglielmo Marconi, vedendo rinviato il proprio volo in partenza inizialmente alle 07:50 e atterrato solamente alle 13:06.

Un disservizio che ha portato non pochi disagi per i passeggeri desiderosi di raggiungere l’isola siciliana, che, però, grazie all’assistenza gratuita di ItaliaRimborso, possono ottenere 250 euro come compensazione pecuniaria. Sembra che il ritardo, infatti, sia dovuto a problematiche della compagnia aerea ed il team legale sostiene che ci possano essere gli estremi per l’applicazione del Regolamento Comunitario 261/2004.

ItaliaRimborso

Revocato lo sciopero dei dipendenti degli aeroporti a Parigi

Intesa su aumento stipendi, salvo il week-end delle partenze

I dipendenti degli aeroporti parigini di Roissy-Charles-de-Gaulle e Paris-Orly hanno deciso oggi di fermare lo sciopero in atto per ottenere un aumento dei salari. La revoca dello sciopero è stata approvata in extremis, poco prima di un week-end di grande affluenza per le partenze estive. I dipendenti hanno ottenuto un accordo che prevede un aumento generale del 3% dei loro stipendi, per l’insieme dei dipendenti del gruppo Aéroports de Paris (Adp). Nel 2021, i dipendenti di Adp – azienda controllata dallo Stato – avevano accettato di ridurre i loro stipendi per aiutare l’azienda ad attraversare la crisi legata al coronavirus.

Ansa 08/0//2022

Voli cancellati per carenza di personale: Ecco cosa fare per la tutela dei diritti del passeggero.

I suggerimenti di Adiconsum Palermo Trapani

In aiuto a chi si è visto rovinata la vacanza per via della cancellazione del proprio volo, episodi in questi giorni molto frequenti negli scali italiani, scende in campo Adiconsum Palermo Trapani. L’associazione consumatori del mondo Cisl, infatti, avvisa tutti i passeggeri che sono incappati in questo disagio causato spesso dalla carenza di personale nelle compagnie aeree aggravata dalla pandemia (molte hanno ridotto le unità), su quali sono le possibili azioni per difendersi da questi disservizi.

“Restano ferme le garanzie previste dalla normativa comunitaria per tutti coloro che subiranno la cancellazione del proprio volo senza il corretto termine di preavviso, o il ritardo prolungato del volo, o ancora il negato imbarco – spiega il responsabile di Adiconsum Palermo Trapani Antonio Rocco – e rientrano tra queste misure il rimborso delle spese a carico della compagnia aerea relative al pernottamento, al pasto, allo spostamento da e verso l’aeroporto, nonché la riprotezione su un volo alternativo che presenti determinate caratteristiche e, in taluni casi, anche il riconoscimento di un indennizzo per il disagio subito”. Adiconsum invita dunque tutti coloro che dovessero trovarsi in una di queste situazioni a rivolgersi all’associazione presso la sede di Palermo in via villa Heloise 10, o presso la sede di Trapani in piazza~Ciaccio Montalto 27, via mezzo email all’indirizzo: palermotrapani@adicosum.it, o telefonicamente ai numeri: 091307761 e 3888822243 (Palermo), oppure 3891331582 (Trapani). “Bisogna ovviamente conservare tutti i titoli di viaggio e avere tutte le informazioni necessarie sul da farsi dai nostri legali. La repentina ripresa del settore turistico, ha favorito l’incremento dei viaggi e di conseguenza anche dei voli, ma ciò tuttavia ha trovato impreparate le compagnie aeree che, a causa della pandemia, ha drasticamente ridotto il personale, non riuscendo oggi a garantire il gran numero di voli prenotati”. L’ENAC, autorità garante ha invitato i responsabili delle Direzioni Aeroportuali a creare dei punti informativi e di prima assistenza, tra cui assicurare la presenza di taxi e di mezzi d trasporto pubblico.  Il segretario generale Cisl Palermo Trapani Leonardo La Piana conclude: “è un momento molto particolare per gli utenti e i consumatori in genere“.

I sistemi sociale, economico, dei trasporti, sono provati dalla pandemia, e allora bisogna affidarsi a chi è in grado di tutelare i diritti dei cittadini, il sindacato e le sue associazioni. Rivolgersi ad Adiconsum in questi casi aiuta a recuperare quanto si è perso anche in termini di disagi vissuti”.
Ufficio Stampa adiconsum